Le migliori carte prepagate business per chi ha una P.IVA

Se hai un’attività imprenditoriale o sei un libero professionista con P.IVA puoi accedere alle carte prepagate business dedicate esclusivamente a chi ha lavora, sono tante le banche e gli istituti di credito che hanno emesso questi tipi di strumenti di pagamento, pensando ai tanti commercianti, imprenditori e freelance.

Spinti dal grande successo delle carte prepagate per privati, le banche e gli istituti di credito hanno deciso di realizzare dei prodotti mirati alla realtà imprenditoriale, così hanno immesso sul mercato le carte prepagate aziendali dedicate a chi ha una P.IVA.

Sono presenti tantissime offerte, per capire quali sono le migliori carte prepagate business è bene capire le caratteristiche generali e i vantaggi da considerare prima di fare una scelta.

Per esempio, tra le più famose e usate ci sono le carte prepagate con IBAN associato, utilissime nel caso si vogliano fare dei bonifici o degli accrediti diretti, proprio come un normale conto corrente.

Caratteristiche e vantaggi delle carte prepagate business

Le carte prepagate aziendali ricaricabili e con IBAN possono essere richiesti solo da amministratori di società con personalità giuridica, proprietari di attività commerciali, amministratori di imprese individuali e liberi professionisti con P.IVA.

Le ricariche sulle carte business possono essere effettuate solo dalla propria azienda, oppure, è possibile ricevere bonifici bancari.

Vantaggi

Tra i vantaggi delle carte prepagate business c’è la semplicità e lo snellimento burocratico, si può tener sotto controllo la spesa dei dipendenti e loro non devono giustificare ogni movimento, la contabilità aziendale diventa più semplice. Con questo strumento, i dipendenti non dovranno anticipare soldi per le trasferte lavorative o affrontare spese, il tutto può essere controllato in tempo reale e il livello di sicurezza è decisamente elevato, in quanto il rischio di clonazione di queste carte è davvero molto basso.

Per quanto riguarda i costi, solitamente è presente il costo di emissione che avviene una-tantum a meno che non si tratta di una carta gratuita; può essere presente il canone mensile che va da 1 euro a 10 euro al mese e il costo di ricarica, non presente in tutte.

Le carte prepagate business, ecco le migliori

Sul mercato sono presenti tantissime carte prepagate ricaricabili e con IBAN dedicate al business, ecco quelle che pensiamo essere le migliori.

UnicreditCard Business Easy

La carta prepagata UniCreditCard Business Easy è pensata per le esigenze d’impresa e dei suoi dipendenti e collaboratori, possono essere effettuate tutte le operazioni connesse con i pagamenti e gli adempimenti amministrativi. Grazie all’internet banking può essere monitorare in tempo reale.

Il costo di emissione è di 5 euro e la sua validità è di 3 anni, mentre a seconda della forma scelta, i costi di ricarica vanno da 1.50 a 3 euro. I prelievi effettuati presso sportelli Unicredit hanno un costo di 3 euro, mentre presso gli sportelli di altre banche 2 euro.

Hype Plus

Si tratta di una carta prepagata molto funzionale proposta in due modalità: la Hype Start con IBAN a canone zero con nessun costo di emissione, che può essere richiesta online e ricaricata con contanti e bonifici e la Hype Plus o carta Hype Business, più adatta alle esigenze di business, poiché permette l’accredito di stipendio e pensione e di ricaricare fino a 50.000 euro all’anno, ha un canone di 1 euro al mese per un totale di 12 euro all’anno.

Facile da richiedere, si adatta perfettamente alle esigenze di liberi professionisti e freelance, la versione Start può essere intestata anche ai minorenni.

Postepay Impresa

La Postepay Impresa è dedicata esclusivamente all’utenza business, può essere richiesta da qualunque azienda o da una persona giuridica che abbia stipulato un contratto con Poste Italiane, quindi anche enti e organizzazioni.

Il costo di emissione della carta è di 2,5 euro una tantum, mentre i costi di ricarica sono diversi a seconda della modalità scelta; le transazioni hanno un costo di 1 euro, così come i singoli prelievi se effettuati negli sportelli ATM Poste Italiane, mentre 1,75 euro presso qualsiasi altro sportello bancomat.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *