Come affrontare il primo colloquio di lavoro

Dopo tanta ricerca e curriculum inviati hai finalmente ottenuto il tuo primo colloquio di lavoro ma non hai idea di come comportarti? Il primo fatto certo è che la tua lettera di presentazione e il cv hanno colpito chi lo ha esaminato e i responsabili di Risorse Umane voglio approfondire la conoscenza.

La prima volta, per tante persone, il colloquio può essere fonte di stress, ma l’arma migliore per affrontare tutto nel modo giusto è quella di andare già preparati, di seguito qualche buon consiglio.

Raccogli informazioni sull’azienda

Devi cercare di sapere il più possibile sull’azienda con cui farai il colloquio, queste informazioni ti aiuteranno a capire meglio i valori di quell’ambiente lavorativo e faranno capire la tua serietà.

Prova a guardare il sito web, consultare i report annuali e tutto ciò che può essere utile, informati sulla struttura interna, sugli obiettivi da raggiungere e sulla filosofia dell’azienda. Cerca notizie sulla società e sul settore di appartenenza, più informazioni hai a disposizione e migliori sono le possibilità di successo.

Esamina attentamente l’offerta di lavoro

Quando leggi un annuncio, per esempio, lavoro Primark, devi cercare di individuare che tipo di domande potrebbero esserti rivolte in fase di colloquio. Esaminando l’annuncio di lavoro a fondo, probabilmente verranno anche a te alcune domande da fare, meglio prepararle prima.

Devi avere le idee chiare su cosa ti ha spinto a candidarti, osserva meglio il tuo cv e la lettera di presentazione, in questo modo potrai capire meglio quale possono essere state le ragioni che hanno spinto l’azienda a contattare proprio te.

Preparati le cose da dire

Se non sai come comportarti in fase di colloquio e che tipo di domande vengono fatte, prova a cercare online in modo da essere preparato nelle risposte. Quando dai una risposta, integrala inserendo le tue esperienze e le tue conoscenze, cercando di mettere in risalto le qualità giuste per la posizione aperta.

Prova a fare un discorso ad alta voce che possa aiutarti a impostare correttamente quello che vuoi dire e il tono di voce da usare.

Ricordati che se l’azienda ti ha chiamato c’è un motivo, nessuno invita a un colloquio se non è stato colpito da qualcosa, tenere a mente questo potrebbe essere un grande aiuto per assumere un atteggiamento più fiducioso.

In conclusione

È importante presentarsi a un colloquio con un atteggiamento sicuro di sé, essere informati sull’azienda e sulla posizione richiesta è fondamentale per fare una buona impressione.

Non bisogna mai perdere di vista il motivo che ha spinto a rispondere l’annuncio di lavoro, la motivazione è il primo elemento se si vuole avere la certezza di affrontare un colloquio di lavoro con buone possibilità di esito positivo.

Prepararsi un discorso o quello da dire ad eventuali domande aiuta a non sentirsi impreparati e a non andare nel panico, se si tende ad avere ansia e agitazione davanti all’imprevedibilità, ma in ogni caso bisogna sempre fare un respiro profondo, calmarmi e poi rispondere.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *