Come emigrare dall’Italia con pochi soldi, i posti più convenienti al mondo

Le difficoltà nel trovare lavoro o nel trovare l’impiego professionale tanto desiderato vi sta facendo valutare l’idea di emigrare dall’Italia e trasferirvi all’estero, a frenarvi è il poco budget che avete a disposizione per iniziare una nuova vista in un altro posto? Nessun problema, in alcuni paesi del mondo è possibile vivere con molto poco.

In particolare, pare che la città più economica sia Lisbona, che offre un costo della vita molto competitivo tra i vari paesi dell’Europa occidentale, grazie anche a una situazione fiscale molto vantaggiosa e un’offerta immobiliare interessante, con tante occasioni soprattutto per i più giovani.

Se non sapete quali altri città sono economiche e alla portata delle vostre tasche, ecco come emigrare dall’Italia, di seguito trovate alcuni suggerimenti utilissimi per cambiare vita e trovare la fortuna aldilà dei confini nazionali.

I paesi più economici dove emigrare

Dopo Lisbona, al secondo posto abbiamo la città di Cali in Colombia, ideale per chi vuole lasciare il continente e andare molto più lontano a far fortuna.

Se invece, non ci si vuole allontanare troppo, una buona alternativa è la Tunisia che dista poco più di un’ora e mezzo di volo.

Per trasferirsi, occorre possedere un permesso di residenza che è possibile ottenere presentando il passaporto e rispettando alcuni requisiti del paese in cui si intende entrare.

Inoltre, tra le scelte più gradite, in particolare dai giovani, ci sono la Bulgaria e la Romania, mentre molto gradite sono le Isole Canarie della Spagna, con un regime fiscale che permette di vivere bene con poco e una casa in affitto, in moltissime zone, costa intorno ai 450 euro mensili.

Trasferirsi all’estero senza soldi

E se la vostra situazione non vi permette di sostenere nessun costo a lungo termine? In questo caso, l’idea di emigrare fa decisamente paura, ma sappiate che è possibile trasferirsi all’esterno senza soldi.

In che modo? Potreste pensare di fare del volontariato all’estero, quindi appoggiarvi su altri offrendo il vostro lavoro, per esempio, le ONG, farlo è necessario rivolgersi al COCIS e al FOCSIV, due federazioni di volontariato internazionale.

Inizialmente, si lavora a titolo gratuito, è necessario avere la giusta formazione e aver conseguito un master in cooperazione internazionale.

Altra soluzione è quella di cercare una WWOOF, fattorie sparse in tutto il mondo, che offrono vitto e alloggio in cambio del proprio lavoro, sono molto diffuse in Olanda, Belgio, Norvegia, Islanda, Russia, Indonesia, Malaysia.

L’ultima alternativa per trasferirsi all’estero senza soldi è quello di scegliere un Paese europeo o di altro continente in cui si hanno delle conoscenze, come parenti o amici, che hanno fatto questo passo prima di voi e che sono disposti a darvi una mano, offrendovi un posto dove vivere.

In questo caso, ovviamente, c’è da valutare il paese in cui risiedono, se non è uno di quelli economici di cui abbiamo parlato in questo articolo, può comunque essere utile, poiché si avrebbe il tempo per trovare un lavoro e adeguarsi allo stile di vita del posto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *