DECRETO LEGGE SUL LAVORO RENZI, LE NOVITA’

Lavoro_e_Governo_Renzi

Il Governo ha di recente ottenuto la fiducia alla Camera sul decreto lavoro, ma quali sono le novità?

La prima è le 5 proroghe contratti a termine in 36 mesi, questo vuol dire che il contratto a termine non può avere una durata superiore a 36 mesi, comprensiva di eventuali proroghe, per lo svolgimento di qualsiasi mansione, sia nel contratto a tempo determinato che in quello di somministrazione a tempo determinato. Quindi sono ammesse 5 proroghe e non più 8, dopo questo tempo i lavoratori saranno inquadrati e tempo indeterminato.

Sanzione superamento tetto 20% assunzioni: il numero totale di contratti a tempo determinato stipulati da ogni datore di lavoro non può eccedere i limite del 20% del numero di lavoratori a tempo indeterminato. Se la soglia viene superata, i lavoratori verranno inquadrati in automatico a tempo indeterminato.

Apprendistato: reinserito l’obbligo di piano formativo individuale scritto ma con modalità semplificate; l’apprendistato obbligatorio va applicato alle sole imprese con più di 30 dipendenti e riduce al 20% la percentuale di stabilizzazione.

Mamme con contratto a tempo: per le lavoratrici il congedo di maternità, maturato durante un contratto a termine con l’azienda, concorre a determinare il periodo di attività lavorativa utile a conseguire il diritto di precedenza all’assunzione.

Personale asili: proroga di un anno per i contratti a tempo determinato del personale educativo e scolastico che lavorano negli asili nido e scuole dell’infanzia degli enti comunali.

Sconti contributi 35% contratti solidarietà: sale al 35% lo sconto sui contribui per i contratti di solidarietà.

Per saperne di più vi invitiamo a leggere il decreto legge sul lavoro 2014.

Lascia un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *