La Social Card, un aiuto in più per le famiglie, ecco come richiederla

ANGELO CARCONI AGENZIA TOIATI SOCIAL CARD

Per tutti i cittadini che ne fanno richiesta e che hanno i requisiti di legge  (D.L. n. 112 del 2008) è possibile ottenere la Carta Acquisti per il sostegno della spesa alimentare, sanitaria e il pagamento di bollette di luce e gas.

La social card prevede 40 euro al mese per un anno, funziona come una qualunque carata ricaricabile e viene caricata ogni due mesi con 80 euro, per un massimo di 480 euro. La domanda dei cittadini con i giusti requisiti può essere presentata direttamente alle poste.

Cosa si può fare con la social card?

Con questa carta si possono avere sconti nei negozi convenzionati che sostengono il programma Carta Acquisti e si possono accedere a varie agevolazione attualmente in fase di studio.

La Carta Acquisti viene concessa agli anziani di età superiore o uguale a 65 anni o ai bambini con età inferiore ai 3 anni (in questo caso il Titolare della Carta è il genitore) che abbiano particolari requisiti.

Chi può beneficiare di questa Carta Acquisti?

La verifica dei beneficiari avviene tramite il modello Isee, gli intestatari devono avere una sola automobile e una sola abitazione e non devono avere a proprio nome oltre il 25% di un secondo immobile.

In sintesi, i beneficiari saranno:

– Persone con età tra i 65 e i 69 anni con redditi pensionistici fino a 6.235,35 euro all’anno:

– con età pari o superiori ai 70 anni e redditi e trattamenti pensionistici fino a 8.313.80 euro all’anno;

– proprietari di una sola abitazione;

– titolari di una sola utenza elettrica e di una sola utenza del gas;

– proprietari di una sola autovettura

– con meno di 15.000 euro di risparmi in Banca, alle Poste ec da soli o con il coniuge

– la cui famiglia ha un indicatore ISEE fino a 6.235,35 euro.

– Famiglie con figli fino a 3 anni, cittadini e residenti in Italia:

– proprietari e di una sola casa di abitazione;
– titolari di una sola utenza elettrica ad uso domestico;
– titolari di una sola utenza elettrica ad uso non domestico;
– titolari di due utenze del gas;
– proprietarie di al massimo due autoveicoli;
– con meno di 15.000 euro di risparmi in Banca,alle Poste,ecc.;
– con un indicatore ISEE della situazione economica complessiva fino a 6.235,35 euro

La nuova social card

Si tratta di una carta messa a disposizione per le famiglie che vivono in condizioni di disagio economico e lavorativo, ed è concessa solo a 370mila cittadini distribuiti tra Milano, Torino, Venezia, Verona, Genova, Bologna, Firenze, Roma, Napoli, Catania e Palermo.

I requisiti

Il destinatario della carta deve essere la famiglia e non il singolo e deve essere sempre presente un minore; si deve presentare un disagio lavorativo ( disoccupazione, inoccupazione, mobilità, per esempio) e la dichiarazione Isee non deve superare i 3mila euro annui.

Questa dà diritto a una cifra mensile che va dai 231€ al mese per nuclei familiari di due persone a 404€ per famiglie composte da padre, madre e tre o più figli.

Il Bonus Gas

Si tratta di uno sconto del 15% sulla bolletta e può essere richiesto da tutti i clienti domestici che usano gas naturale in presenza di un indicatore ISEE:

– non superiore a 7.500 euro
– non superiore a 20.000 euro per le famiglie numerose (con quattro e più figli a carico).

La domanda di bonus gas può essere presentata in qualsiasi momento dell’anno; il bonus è valido per 12 mesi.

Per fare la richiesta del bonus di devono compilare dei moduli da consegnare al proprio Comune, la modulistica è disponibile sul sito dell’Autorità per l’energia.

 

Condividi
0