Lavorare nel Trading: analisi di mercato e deposito minimo Etoro

Condividi:

Si sa, i mercati finanziari sono caratterizzati da sempre da una grande dinamicità. Le variazioni del mercato dipendono da tantissimi fattori. Tra questi spiccano soprattutto le situazioni geopolitiche ed economiche tra i vari Paesi.

Negli ultimi giorni l’incontro dell’OPEC è stato uno degli eventi più importanti. Il Joint Ministerial Monitoring Committee (JMMC) durante l’incontro ha raccomandato che il gruppo ha già tagliato 500.000 bpd il primo trimestre del 2020. I ministri dell’OPEC hanno discusso su come distribuire questi tagli tra le nazioni produttrici ma non si è arrivati ad un vero e proprio accordo.

La situazione dopo il meeting dell’OPEC

Dopo essere volato ai massimi da due mesi, l’oro nero ha finito per terminare le contrattazioni in ribasso. Nonostante la chiusura del meeting dell’OPEC, i prezzi del petrolio rimangono pressoché invariati. Gli investitori attendono di scoprire l’esito della riunione dell’OPEC a Vienna.

In Canada, i dati mensili su variazione dei posti di lavoro e tasso di disoccupazione potranno avere possibili ripercussioni sul Dollaro canadese. Per le borse europee invece la situazione è positiva: lo UK100 guadagna 19 punti, il GER30 64 punti e il FRA40 24 punti.

Negli Stati Uniti, i dati mensili sui posti di lavoro non agricoli (NFP), considerati un indicatore chiave dello stato di salute dell’economia, potranno avere ripercussioni sul corso dell’USD e di altri importanti asset americani.

Nonostante questo, Wall Street negli ultimi giorni è stato caratterizzato da un trend positivo. In attesa dei dati sull’occupazione, i mercati USA sono apparsi piuttosto cauti. DJ30, NSDQ100 e SPX500 sono in leggero aumento.

E’ rialzo invece per le criptovalute. Il mercato delle valute digitali ha recuperato terreno e tutte le dieci principali monete sono nel mirino degli investitori. Il Bitcoin sale dell’1,5% circa e si porta sopra i $7.400.

Trading online: le migliori soluzione di investimento

In vista dell’incertezza dei mercati finanziari, una delle migliori soluzioni di investimento è sicuramente il CFD Trading. I CFD, acronimo di Contratto per differenza, sono strumenti derivati con i quali è possibile aprire operazioni sia al rialzo che al ribasso.

I CFD sono strumenti soggetti a leva finanziaria e questo è uno dei punti di forza di questo strumento finanziario. La leva finanziaria è uno strumento che permette di aumentare il guadagno a fronte di un investimento modesto di capitale. Bisogna comunque agire con cautela, poiché possono aumentare anche le perdite.

Quando si investe in un prodotto a leva, il broker CFD chiederà di versare solo una piccola parte del valore totale della posizione, chiamato margine. Questo margine viene richiesto dal broker per coprire le perdite in cui si potrebbe incorrere.

La leva finanziaria non è l’unica soluzione per chi possiede un capitale basso. Molti broker offrono l’opportunità ai propri utenti di registrarsi con un deposito minimo anche di 10 euro. Ma, essendo un capitale molto ridotto, i guadagni saranno proporzionali.

Il deposito minimo è un aspetto fondamentale per la scelta dei broker. Alcuni depositi sono stati soggetti a vari cambiamenti negli anni, come il deposito minimo etoro. Solitamente le piattaforme online permettono un deposito molto ridotto per attirare un maggior numero di clienti.

Nel caso di eToro, si è passati da un deposito minimo di 50$ fino ad uno di 500$ per poi fermarsi a 200$. Anche se 500$ sembra essere un capitale elevato e non alla portata di tutti, il broker attraverso questo cerca di mantenere degli standard di qualità elevati.

L’attività del broker, infatti, non è solo di avvicinare una mole enorme di utenti alla piattaforma. Anche la gestione, conservazione e assistenza ai clienti possono è a carico del broker ed è per questo che il valore del deposito minimo è soggetto a variazioni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *