L’importante ruolo dell’agente immobiliare

Condividi:

Quando si tratta di acquistare un immobile, in particolare, se è la prima casa, bisogna fare attenzione a non fare scelte troppo precipitose. È necessario che ci siano le competenze e l’esperienza che solo un agente immobiliare può assicurare.

Questa figura professionale può aiutarci in tutti gli step della compravendita, dalla ricerca dell’immobile, all’iter burocratico da sostenere, fino alla conclusione dell’acquisto.

Ci sono situazioni particolari come l’acquisto di terreni con rustico o ville di lusso, in cui l’improvvisazione non è ammessa. Solo l’agente immobiliare ha gli strumenti e le conoscenze migliori per concludere con successo una compravendita.

Cosa fa l’agente immobiliare?

L’agente immobiliare è un professionista che lavora come mediatore per mettere in contatto venditori e possibili acquirenti in modo imparziale. Infatti, non può essere legato in alcun modo da rapporti di collaborazione con nessuna delle due parti.

Le sue mansioni sono quelle di ricerca e di assistenza delle parti, portando avanti, con obiettività, la conclusione dell’affare.

Se vuoi vendere un immobile o un terreno, oppure, ne vuoi acquistare uno, rivolgerti a un’agenzia immobiliare ti permetterà di facilitare tutti i passaggi.

Come capire se un agente immobiliare è un professionista?

Ci sono tante agenzie immobiliari e agenti che ci lavorano, ma come capire se si ha a che fare con un professionista del settore? Puoi valutare le sue competenza, un agente immobiliare non può improvvisare il proprio lavoro. Per poter svolgere la professione deve aver fatto un corso di formazione e superato un esame. Inoltre, bisogna essere registrati alla sezione REA della Camera di Commercio come mediatori autonomi.

Potete controllare che l’agente sia iscritto regolarmente. Inoltre, chi non è abilitato non può aver diritto alla provvigione sulla compravendita.

Qual è la provvigione che spetta all’agente immobiliare?

Quando si parla di provvigione, ci si riferisce alla percentuale da pagare all’agenzia sul prezzo della vendita dell’immobile. Finché non viene concluso l’affare, comunque, le prestazioni offerte dall’agente sono del tutto gratuiti.

Il codice civile, indica che non deve essere pagato il lavoro svolto dal mediatore, ma il risultato positivo. Il che vuol dire che solo dopo aver raggiunto l’accordo e aver concluso l’affare, entrambi le parti dovranno versare la provvigione.

Per ciò che riguarda la percentuale, questa è a discrezione dell’agenzia e solitamente è pari al 2/3% del prezzo dell’immobile, ma il cliente ha il diritto di contrattare.

Se si acquista un immobile in città grandi come Roma e Firenze, è possibile che la percentuale sia un po’ più alta. Tuttavia, in linea generale, i costi delle agenzie immobiliari sono simili tra di loro. È possibile comunque consultarne diverse per farsi un parere circa la professionalità degli agenti e la percentuale di provvigione richiesta.

Detrazione spese agenzia immobiliare

Infine, segnaliamo che i compensi pagati all’agente immobiliare per l’acquisto di una casa adibita ad abitazione principali, sono detraibili dall’irpef del 19% fino a massimo 1000 euro.

È possibile usufruire della detrazione solo se il rogito è avvenuto o il compromesso è stato registrato. Ci sono anche altri vantaggi fiscali per chi acquista la prima casa, per cui consigliamo di restare aggiornati annualmente sulle nuove possibilità.