Postepay estero, come utilizzarla e ricaricarla

Sono quasi 10 milioni le persone che sono provviste di carta PostePay di Poste Italiane, il suo successo è dovuto dal canone zero e dalla sua funzione di prepagata, può essere richiesta presso tutti gli uffici postali e non bisogna avere un conto corrente BancoPosta.

Questo strumento di pagamento è facile da utilizzare, soprattutto per i giovani che non avendo un conto corrente bancario con relativa carta di credito, possono utilizzare la carta per pagare gli acquisti online, prelevare e usarla nei negozi convenzionati.

Per cui la PostePay è una carta versatile proprio come la carta di credito, rappresenta una soluzione sicura e pratica per chi viaggia e non vuole portarsi dietro somme di denaro.

Sono tanti i giovani che amano viaggiare per il mondo e si chiedono se la PostePay si può utilizzare anche all’estero.

È possibile utilizzare la Postepay anche all’estero?

La carta Postepay fa parte del circuito Visa Electron ed è accettata in tutte le parti del mondo, per cui Postepay estero può essere utilizzata in tutti i punti convenzionati Visa Electron, così come effettuare prelievi agli sportelli ATM del circuito Visa e Visa Electron.

Questa carta prepagata rappresenta un’alternativa sicura alla carta di credito, questo perché, in caso di smarrimento o in caso venisse clonata, non essendo collegata a nessun tipo di conto corrente, è possibile avere accesso solo a una somma limitata, inoltre, può essere bloccata.

È possibile ricaricare la Postepay all’estero?

È lecito chiedersi cosa accade se ci si trova fuori Italia e i soldi che avevamo sulla carta finiscono, in questo caso la carta Postepay può essere ricaricata solo se il proprietario è in possesso di un conto BancoPosta per effettuare la ricarica online.

Nel caso in cui ci si trovi all’estero ma non si è in possesso di un conto BancoPosta l’unico modo per ricaricare la carta prepagata di Poste italiane è quello di far eseguire la ricarica a un’altra persona che si trova in Italia.

Ricordiamo che è possibile ricaricare la Postepay in diverse modalità, a seconda di quella scelta i costi della ricarica sono differenti: 1 euro presso gli uffici postali, sportelli ATM o online; 2 euro presso i punti Sisal, 3 euro con carta di credito o bancomat presso altri sportelli ATM.

Inoltre, sono previste delle commissioni quando si effettuano prelievi: 1 euro se vengono effettuati in Italia e in Europa e 5 euro se vengono effettuati fuori dall’Europa.

Postepay Evolution

Poste Italiane ha introdotto anche la carta prepagata Postepay Evolution con IBAN che permette di ricevere e inviare bonifici senza possedere un conto corrente.

Chiunque può attivare questa carta che ha un costo di emissione di 5 euro ed un canone annuo di 10 euro con un plafond di 30.000 euro.

È la soluzione ideale per i giovani che hanno iniziato una piccola attività di libero professionista e non voglio ancora aprire un conto corrente ma anche per coloro che vogliono risparmiare sui costi di quest’ultimo e gestire i propri soldi unicamente sulla carta. È possibile farsi accreditare lo stipendio, la pensione e le utenze.