Quali sono i costi per la richiesta di un mutuo?

Quando si decide di accedere a un mutuo bisogna conoscere fin da subito le spese che si dovranno sostenere, solo in questo modo si potrà calcolare l’ammontare totale del mutuo che bisognerà chiedere, avere le informazioni dalla banca relativi ai pagamenti con importi e scadenze.

Molti pensano che il costo del mutuo è legato unicamente agli interessi del capitale ma in realtà non è così, di seguito andiamo a vedere da vicini tutte le spese che bisogna calcolare.

Spese istruttoria pratica

Questa fase riguarda la Banca e tutti gli atti necessari per verificare se il finanziamento può essere concesso o meno, conoscere le capacità di credito del richiedente, acquisire la documentazione necessaria. Il costo varia da 180 a 300 euro oppure in misura percentuale da lo 0,1% e lo 0,5% dell’importo richiesto per il finanziamento.

Spese di perizia

La perizia viene effettuata dal tecnico di fiducia che accerta il valore dell’immobile e le sue condizioni. Le spese variano da 100 a 300 euro.

Spese notarili

Queste spese comprendono gli onorari del notaio e le imposte dovute allo Stato per l’attività contrattuale. Le spese in questo caso variano a seconda del tariffario del professionista, del tipo di atto, dell’importo dell’ipoteca e dell’ente erogante, per questo motivo è sempre meglio chiedere un preventivo.



Costo imposta sostitutiva

Il costo dell’imposta sostitutiva mutuo comprende l’imposta di registro, ipotecaria, catastale e bollo ed è richiesta, a seguito del Dl 168/2004, nella misura dello 0,25% sull’importo erogato se l’ente erogante è una banca o una finanziaria parificata e se si acquista un immobile ad uso abitativo per il quale si può usufuire delle agevolazioni di prima casa.

Costi assicurativi

Parliamo dell’assicurazione incendio che è richiesta obbligatoriamente e il costo dipende dal valore dell’immobile e dall’importo e durata del mutuo. Per un muovo di 100.000 a 15 anni il costo totale oscilla tr ai 250 e i 400 euro; in alcuni istituti di credito si può richiedere la sottoscrizione di un’assicurazione sulla vita.

Estinzione anticipata

Grazie alla legge Bersani con l’articolo 7 è stato stabilito, che dal 2 febbraio 2007, non è dovuta nessuna penale in caso di estinzione anticipata o parziale del mutuo richiesto da persone fisiche per l’acquisto e o ristrutturazione di immobili adite ad abitazione o allo svolgimento di attività professionale.

Portabilità del mutuo

Con l’articolo 8 della legge Bersani è possibile surrogare il mutuo, portandolo da una banca ad un’altra, il trasferimento avviene con le condizioni stipulate tra il cliente e la banca subentrante, con l’esclusione di penali e altri oneri.

Inoltre, non possono essere imposte spese o commissioni per la concessione del nuovo mutuo, per l’istruttoria o gli accertamenti castali, che devono essere svolti con procedure di collaborazione interbancaria con lo scopo di ridurre tempo, adempimenti e costi.

Al fine di non ritrovarsi sorprese davanti alla concessione del mutuo, consigliamo sempre di chiedere tutte le informazioni necessarie alla propria banca di fiducia, facendosi stilare un preventivo dettagliato di tutti i costi sopracitati per avere un’idea precisa della spesa che si andrà ad affrontare.

Condividi
0