Come aprire una profumeria: 5 passi da seguire

Condividi:

I profumi sono sempre stata la tua passione? Vai letteralmente in estasi vicino a fragranze dalle dolci note? Allora aprire una profumeria potrebbe essere il lavoro della tua vita. Magari ci hai già pensato, ma non sai da dove cominciare. Aprire una profumeria non è così semplice ma nemmeno tanto difficile. Ma devi avere però le giuste competenze.

Il profumiere è uno dei mestieri più antichi del mondo; può essere davvero affascinante addentrarti nel modo variegato dei profumi, dove ogni essenza rievoca ricordi, tempi lontani, amori perduti. Ora basta sognare. Se il tuo sogno nel cassetto è aprire una profumeria, segui questo articolo passo passo e scoprirai come fare. Il tuo sogno potrebbe diventare realtà.

Primo passo: le caratteristiche

Il settore della profumeria non conosce sesso, tutti possono cimentarsi in questo campo, che tu sia un uomo o una donna. Tuttavia è bene avere un buon programma in modo da seguire senza sbagliare questo bellissimo itinerario e non buttarti così allo sbaraglio. Per prima cosa devi pensare cosa vuoi fare. L’idea della classica profumeria è un po’ scemato col tempo. Ora le profumerie offrono anche dei servizi, e non solo la semplice vendita dei profumi. Infatti, all’interno di molte profumerie sono presenti delle make-up specialist dove consigliano, effettuano simulazioni e fanno il trucco. Quindi il primo passo da fare è cercare personale specializzato o formarti tu stesso in questo senso.

Secondo passo: piano aziendale

Il piano aziendale o business plan è davvero importante prepararne uno, perché da questo deriverebbe la riuscita o il fallimento della tua attività. Ma niente paura, non devi possedere la laurea di qualche complessa disciplina di scienze. Un business plan è come se fosse un block notes, dove lì devi appuntare tutte le cose importanti prima dell’avviamento dell’attività: la valutazione dei costi iniziali, una previsione – anche orientativa – delle possibili entrate, quale piano di marketing seguire, quali strategie adotterai, e come gestirai la tua attività.

Terzo passaggio: la scelta della location

Aprire una profumeria scegliendo la location giusta è fondamentale. Se avevi pensato di aprire la tua profumeria in una strada secondaria, magari isolata, solo perché il canone mensile dell’affitto è  basso, allora sei fuori strada. Quando si tratta di attività fashion come come quelle di una profumeria, essere situati in una strada ben trafficata è la chiave per il successo. La tua profumeria dovrebbe essere in una zona centrale, con un ottimo via vai di persone. Certo, i costi dell’affitto potrebbero essere esorbitanti, ma si tratterebbe solo di un investimento a breve termine, perché ammortizzeresti in un lasso di tempo molto rapido le spese mensili. Un’altra possibilità che potresti vagliare, è scegliere come location l’interno di un centro commerciale. Oggi i centri commerciali vantano di un affluenza di persone davvero impressionante, e molte profumerie di successo si trovano proprio all’interno di centri commerciali. È sufficiente avere uno spazio di 80-90 metri quadrati, con un’ampia vetrina, e la scalata verso il successo potrebbe cominciare!

Quarto passaggio: le spese iniziali

Hai già delle idee eccezionali, hai acquisito le giuste competenze e ti senti pronto per partire. Questo è ottimo. Tuttavia, specialmente nel nostro paese, non basta avere solo buoni propositi. C’è bisogno di solido budget per la partenza. Oltre ai canoni mensili anticipati di un locale, devi pensare all’acquisto dei prodotti, all’arredamento, eventuale personale, costo dell’apertura della partita iva, l’iscrizione al registro imprese della Camera di Commercio, autorizzazioni comunali e iscrizione Inail e Inps. Poi devi considerare che come in ogni locale che si rispetti, il tuo deve essere provvisto di adeguati servizi igienici, spogliatoio, stipulare una polizza per furto e incendio, acquistare dei pc con specifici software per gestire l’attività, monitorare il negozio e così via. Inoltre ci sono i costi di marketing, perché la pubblicità è l’anima della pubblicità. Quindi possiamo dire che il costo complessivo per avviare una profumeria oscilla dai 30.000 euro fino ad un massimo di 60.000 euro.

Quinto passaggio: le spese di gestione e finanziamento

Queste spese possono essere variabili, perché dipendono dal tipi di prodotti che ordinerai, dal tipo di locale etc… ma altre spese, invece, sono fisse: tipo i contributi propri e quelli dei dipendenti, gli stipendi e le spese di pulizia. Quindi è ovvio che bisogna avere disponibile già un capitale, anche minimo, ma bisogna averlo. Tuttavia, puoi avvalerti anche di specifici finanziamenti, che vengono erogati per piccoli importi, come ad esempio quelli a fondo perduto emessi dall’Unione Europea, o anche prendere in considerazione un prestito bancario che, di solito, per importi non eccessivi, non presentano problemi.

E-commerce online: una valida alternativa

Eppure, molti restano terrorizzati da tutte le spese cui andrebbero incontro aprendo un negozio fisico. Potrebbe essere anche il tuo caso? Allora potresti valutare la possibilità di aprire la tua profumeria online! Se non vuoi impegnarti con un negozio fisico, a buon diritto, puoi sempre valutare l’opportunità di aprire un e-commerce online, vendendo vari brand, come altre che si possono trovare sul web, come ad esempio profumeriadelcorso, una profumeria online molto rinomata che ha fatto di internet lo strumento per avere successo.